ArteVarese
ArteVarese
07-09-2017

NOVITA’ AL CASTELLO…

La sezione dei servizi educativi del Castello Visconti di Somma Lombardo


Somma Lombardo:

nn
Da quest’anno inoltre la visita al Castello unisce contenuti storici e archeologici all’esplorazione del mondo naturale e della tecnologia, in un percorso che dalla diga del Panperduto al Castello Visconti – in collaborazione con Ester produzioni, gestore del sito del Panperduto -  collega le antiche e le moderne civiltà attraverso il filo conduttore delle terre del fiume Ticino, sotto il segno del rapporto con l’acqua e del suo utilizzo per la vita dell’uomo.

 


Il Castello offre una gamma di proposte differenziate, tutte orientate a un coinvolgimento attivo e diretto degli studenti e al dialogo mediato.

Cristina Bertacchi, responsabile operativo della gestione del Castello, segue da vicino anche la programmazione educativa “Sono sempre accattivanti, coinvolgenti e professionali i laboratori e gli operatori che ci affiancano nell'approfondimento della vita e della storia del Castello Visconti di Somma Lombardo e del territorio circostante” dice.


Le attività educative del Castello sono a cura di Archeologistics snc, progetti per i beni culturali. Sono disponibili su prenotazione al numero 328.8377206.

La struttura è aperta dalla metà di marzo al 31 ottobre.

Contatti: info@archeologistics.it - segreteria Castello 0331.256337

www.castelloviscontidisanvito.it Nelle giornate di visita sarà possibile usufruire per i momenti di pausa anche dello splendido parco del Castello.


SONO QUESTE LE NOVITA’ PER IL NUOVO ANNO SCOLASTICO (2017/2018)


Percorso per la scuola secondaria di primo e secondo grado

La forza dell’acqua: dal Panperduto al Castello

Viaggio tra arte e natura in una terra segnata dalla presenza del fiume Ticino. L’itinerario di visita inizia al Panperduto, con lo sbarramento di presa e la diga, la conca di navigazione, la centrale idroelettrica, la scala di risalita dei pesci e la visita al Museo e al giardino dei giochi d’acqua. Un vero gioiello di idraulica industriale, per comprendere il ruolo fondamentale che l’acqua ha avuto nei secoli, contribuendo allo sviluppo delle comunità antiche e moderne. Al pomeriggio: spostamento al Castello Visconti, che documenta lo sviluppo storico del territorio dal Medioevo all’Età Moderna.


Altri percorsi che si riconfermano

Percorsi rivolti alla Scuola dell’Infanzia

Due Marchesi per un castello

I bambini esplorano le sale guidati dal racconto della storia dei due fratelli marchesi, proprietari del Castello, delle loro vicissitudini e litigi fino alla suddivisione della fortezza in due parti. Nel corso dell’esplorazione oggetti, costumi e indizi li aiuteranno a ricostruire quadri di vita quotidiana del tempo – tornei e duelli, banchetti e feste – e le vicende accadute in un lontano passato. Varcato il portone d’ingresso i bambini incontreranno le antiche armi e armature dei duelli, la grande cucina un tempo affollata da cuochi e camerieri in gran fervore, gli arredi e le sale private degli abitanti del castello. Nel pomeriggio passeggiata animata nel grande parco, dove alberi antichissimi raccontano la storia dei tanti personaggi visti passare sotto i propri rami.


Musica alla Corte dei Visconti

Percorso dedicato al potere narrativo ed evocativo della musica. Al mattino, accompagnati da un musicista di corte, i bambini saranno invitati ad attraversare le stanze del castello, per scoprire i personaggi che ne hanno segnato la storia e immaginare come si abitava e si viveva un tempo, guidati dalle suggestioni della musica. Incontreranno i suoni gravi del cuoco che impartisce istruzioni, il forte e il piano che scandiscono le attività del Signore e il crescendo della giornata della Marchesa che si risveglia lentamente.  Al pomeriggio le note e il ritmo delle danze medievali animeranno la festa all’interno del Castello. I bambini impareranno alcuni semplici passi di danza, cimentandosi in piccoli balletti tra dame e cavalieri.



Percorsi per la Scuola Primaria

Archeologi E Storici alla Scoperta del Castello

Una divertente visita-gioco per imparare ad utilizzare le fonti nella ricostruzione del passato. Il castello ospita un’importante collezione di reperti archeologici della cultura di Golasecca, momento nevralgico della pre e protostoria lombarda. Partendo da questa collezione, che ci permetterà di scoprire quali fossero gli usi e i costumi delle popolazioni stanziate sulle sponde del fiume Ticino, passeremo alla conoscenza delle vicende storiche del castello, attraverso l’analisi di fonti documentarie, come l’antico atto di divisione del Castello tra i fratelli Francesco e Guido Visconti. Al pomeriggio i bambini potranno manipolare e analizzare materiali plastici e litici oppure visitare il sito archeologico del Monsorino, area sepolcrale da cui provengono numerosi ritrovamenti della cultura di Golasecca.



I percorsi rivolti alla Scuola Secondaria di primo e secondo grado

The Visconti: legend and history of a family – Metodo CLIL

Un percorso didattico per conoscere il castello e la sua storia attraverso le generazioni della Famiglia Visconti di San Vito. Alternando momenti di visita in lingua italiana e attività di approfondimento in lingua inglese, i ragazzi saranno introdotti alla conoscenza di un lessico specifico del mondo dell’arte e della divulgazione museale. Divisi in piccoli gruppi, saranno chiamati ad approfondire autonomamente argomenti specifici - connessi alla vita del castello e della famiglia - con l’ausilio di schede didattiche, documentazione cartacea e fotografica. Il percorso è disponibile per la mezza giornata o giornata intera. Al pomeriggio, visita (sempre secondo la modalità CLIL) dell’area archeologica di Castelseprio, patrimonio Unesco.


I Catasti Storici: leggere il territorio e le sue trasformazioni

Un percorso per familiarizzare con le metodologie della ricerca storica, consultando gli antichi documenti e i dati d’archivio, in un confronto costante con la situazione presente. I ragazzi svolgeranno un’autonoma attività di ricerca sul campo, a cominciare dalla lettura della cartografia storica e degli antichi catasti. L’analisi e la lettura delle trasformazioni architettoniche che hanno coinvolto il castello e il tessuto urbano circostante, permetteranno di ricostruire alcune vicende dello storico edificio attraverso le epoche. Grazie al dialogo con la guida verranno poi delineate le vicende dei più significativi membri della famiglia Visconti, dal Medioevo ad oggi.

 

Uomini e Merci sulle strade dal Medioevo a Napoleone

A partire dall'analisi di oggetti e materie prime ricostruiremo i legami interculturali e commerciali dei secoli passati. Le stoffe, i dipinti, le decorazioni e le collezioni sono preziose testimonianze dei contatti commerciali e degli spostamenti di maestranze all'epoca dei Visconti. Attraverso attività di osservazione i ragazzi ricostruiranno un quadro degli scambi e delle direttrici commerciali del passato. Nel pomeriggio: work coffee: in un clima colloquiale da sala da caffè, discussione e dibattito sulla mobilità e i viaggi fra passato e presente. Divisi in piccoli gruppi di discussione i ragazzi si confronteranno sui temi della circolazione di persone, di materiali e di idee, cogliendo differenze e somiglianze col mondo presente, effetti positivi e negativi dell’evoluzione tecnologica per i trasporti.

 

Per maggiori informazioni:

UFFICIO STAMPA LORENZA GIACARDI

340 3518326/0331 256337




Redazione

MOSTRA COLLETTIVA DEL PREMIO ARTEVARESE
Rubrica d'arte del 09/06/2017
Puntata del 11/05/2017 Speciale Raffaella Columberg
**ARTE PER LA FEDE**
Archivio *NEWS: I LAVATOI AL SACRO MONTE
I GARIBALDINI A ROMA
Archivio
Archivio
Archivio
Per poter vedere il video on-line è necessario scaricare ed installare il plug-in di Flash 9 dal sito della Macromedia.

Scarica ed installa il plug-in Flash Player 9