ArteVarese
ArteVarese
01-04-2017

Roberto Casiraghi, il corpo delle frequenze

Senso di sospensione e tonalità cromatiche attenuate, nelle tele di grandi dimensioni, carte e taccuini del pittore milanese Roberto Casiraghi. Dipinti dalle immagini rarefatte in esposizione allo Studio d'Arte Del Lauro.


Un antico proverbio Zen recita: "Prendi il tuo spirito simile al vento, che passa su tutte le cose senza attaccarsi a nessuna di esse". I moti del vento sono infiniti così come quelli dello spirito.

Roberto Casiraghi pare, di quei moti, pare volerne raffigurare l'essenza nella personale, a cura di Alberto Pellegatta, in corso presso lo Studio d'Arte del Lauro a Milano.

Nato a Milano nel 1957, appena concluso il liceo artistico diventa assistente di Gianni Colombo e nel '95 membro del comitato scientifico dell'Archivio dello stesso artista.
Nello stesso anno inizia l'attività didattica presso il Naba di Milano e nel 2001 insegna Pittura all'Accademia di Belle Arti di Sassari, per passare nel 2006 all'Accademia di Bologna e l'anno seguente ottiene la cattedra di Cromatologia e Tecniche e Tecnologia della Pittura a Brera.
Significative le personali al PAC nel 2002 e nel 2016 al Museo della Permanente entrambe a Milano.

La sfida di rendere visibile l'inafferrabile, si compie nelle fluttuazioni eseguite in china su carta dal titolo "Istantanee da lungo tempo".

Dalla sintesi espressiva delle carte poste a parete le une accanto alle altre, quasi a conferire cadenza temporale a quei fluttuanti sussulti, si arriva ai colori mossi a invadere per intero la tela.

Tra loro si fondono, sfumano, galleggiano, fremono.
Sottrazione e saturazione sono gli estremi attraverso i quali Casiraghi esprime sembianze e profondità, definendo come la forma sia il compimento immediatamente visibile di un processo intellettuale e creativo atto a valorizzare e dare senso al suo lavoro.

Acquisiti dal visitatore tali aspetti, il procedere porta a letture profonde, dove il gesto traduce l'espansione di un colore verso altri, ne trasmette il moto, rivela lo stato d'animo dell'esecutore rendendo compiuto e al tempo stesso magicamente inafferrabile l'intero contesto visibile.

Roberto Casiraghi

Milano -Studio d'arte del Lauro, Via Mosè Bianchi 60
Fino al 13 maggio
Orari: martedì- giovedì 10-14/16-19,30



Mauro Bianchini

LA MOSTRA DEL VINCITORE
Rubrica d'arte del 21/04/2017
Puntata del 09/03/2017 Speciale Isabella Rigamonti
**ARTE PER LA FEDE**
Archivio *NEWS: I LAVATOI AL SACRO MONTE
I GARIBALDINI A ROMA
Archivio
Archivio
Archivio
Per poter vedere il video on-line è necessario scaricare ed installare il plug-in di Flash 9 dal sito della Macromedia.

Scarica ed installa il plug-in Flash Player 9