ArteVarese
ArteVarese
01-03-2017

Il giro del mondo in 24 film

Al via la 14a edizione di Cortisonici, il Festival Internazionale del Cinema varesino. La selezione è stata effettuata tra oltre mille opere provenienti da 50 Paesi diversi.


Non è stato facile selezionare i film in concorso per la 14esima edizione di Cortisonici, il festival internazionale di cortometraggi in città dal 28 marzo al 1° Aprile. I ragazzi promotori hanno passato al vaglio 1107 piccoli film, provenienti da 50 Paesi diversi e da tutti e 5 i continenti, prima di arrivare al verdetto: per il 2017 Cortisonici propone il giro del mondo in 24 film. Più uno, fuori concorso: l'irriverente e inquietante "Ratzinger vuole tornare", di Valerio Vestoso tra i vincitori dell'edizione 2015 del Festival e autore del trailer Cortisonici 2017.

Quattro nazioni debutteranno per la prima volta sul grande schermo varesino (quello del cinema Nuovo di viale Dei Mille, che come sempre ospiterà le proiezioni in concorso nelle serate del 30 e 31 marzo e del 1 aprile). A cominciare dalla Malesia che propone , un vertiginoso unico piano sequenza che proietta lo spettatore in un'affollata strada malese. Dalla vicina Slovenia arriva invece "New home" di Z╠îiga Virc per presentare la tragedia dei profughi da una prospettiva decisamente particolare, mentre tocca al dramma familiare taiwanese "Freeze" di Nelicia Low, rinnovare il legame tra il festival e l'estremo oriente (assente dopo diversi anni di onorata presenza e un paio di menzioni la Corea). A chiudere il quartetto delle novità geografiche, sempre dall'est c'è "Golden love" di Pavlo Ostrikov: uno speed dating in versione ucraina.

Altri 12 Paesi sovrani saranno rappresentati in questa 14esima edizione di Cortisonici per un totale di 16 diverse nazioni in concorso, dal Medio Oriente rappresentato dall'Iran al continente americano (Stati Uniti e Argentina). Avvantaggiate, ma solo perché presenti con più film in gara, sono alcune nazioni europee: quattro corti in concorso per la Spagna, tre ciascuno per Francia e Germania e due piccoli film anche per la Gran Bretagna, di cui uno, "Silence", è in realtà una coproduzione britannico-australiana.

Ben rappresentata anche l'Italia: a difendere il tricolore saranno "Stella", incentrato sul massimo riconoscimento culinario mondiale, e "Quello che non si vede", uno sguardo originale e amaro sulle vicende personali di un piccolo uomo.
Come da tradizione, le black-comedy saranno protagoniste delle somministrazioni cortisoniche: il russo "Good day", di Olga Dibtseva, racconta ad esempio la sfortunata mattinata di un giovane corriere russo, mentre "Last Call Lenny" ci presenta un consulente in suicidi che pare uscito direttamente da un film dei fratelli Coen. Ed è decisamente nero l'umorismo dello spagnolo Fidel, che immagina - con un tempismo sorprendente - le ultime volontà del Líder Máximo.

Da menzionare anche il gradito ritorno di Riccardo Bernasconi e Francesca Reverdito, due vecchie conoscenze di Cortisonici (vincitori del Cortisonici Lab con cui han prodotto Death for a unicorn in gara alla 70^ Mostra del cinema di Venezia). La coppia, dal vicino Canton Ticino, propone "Rabbit girl".



La Redazione

MOSTRA COLLETTIVA DEL PREMIO ARTEVARESE
Rubrica d'arte del 09/06/2017
Puntata del 11/05/2017 Speciale Raffaella Columberg
**ARTE PER LA FEDE**
Archivio *NEWS: I LAVATOI AL SACRO MONTE
I GARIBALDINI A ROMA
Archivio
Archivio
Archivio
Per poter vedere il video on-line è necessario scaricare ed installare il plug-in di Flash 9 dal sito della Macromedia.

Scarica ed installa il plug-in Flash Player 9